“La parola è una cosa profonda, in cui per l’uomo d’intelletto son nascoste inesauribili ricchezze.” Gabriele D’Annunzio, Il piacere, 1889.”

“AstroTurf” è il marchio di un’erba artificiale prodotta dalla Monsanto Company (multinazionale di biotecnologie agrarie del Missouri) utilizzata per la copertura del campo da gioco dell’Astrodome di Houston, in Texas. Proprio il nome di questo stadio fu all’origine del marchio: ASTRO(dome) e (artificial)TURF (in inglese Turf significa Zolla).

Il derivativo Astroturfing fu coniato intorno agli anni Ottanta, nell’ambito del marketing, esso definisce la creazione a tavolino del consenso proveniente dal basso, della memoria o della storia pregressa di un’idea, un prodotto o comunque qualsiasi bene oggetto di propaganda(bene di consumo, candidato alle elezioni, etc.).

L’astroturfing nasce quindi come tecnica di alterazione della percezione sulle qualità di un prodotto commerciale. Si basa in particolare sull’idea che molti giudizi positivi o lusinghieri verso un certo prodotto influenzino le scelte dei consumatori/utenti spingendoli all’acquisto o comunque a formarsi un’opinione positiva del prodotto stesso.
[ continua a leggere… ]

 

Mi occupo di Digital branding e Strategie di marketing online, Graphic e Web design, Web reputation analysis e ICT Training. Sono Hootsuite Ambassador [volunteer], socio AIP – Associazione Informatici Professionisti, graduate Twitter Flight School e… adoro il mio lavoro❥ Colleghiamoci sui social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *